Feeds:
Articoli
Commenti

Lunedì 22 Ottobre 2012 tornano  i seminari sui temi dell’educazione organizzati da Scuola Democratica, aperti a dirigenti scolastici, docenti, ricercatori accademici e formatori.

Quest’anno il programma delle iniziative sarà esteso su tutto il territorio nazionale, da nord a sud.

E proprio da sud e da una delle città più importanti, Bari, che Scuola Democratica inizierà il suo cammino affiancata dall’ANP Associazione Nazionale dei dirigenti e delle alte Professionalità della scuola.

L’incontro del 22 c.m. dal titolo ” L’arcipelago della valutazione: valutazione del personale e valutazione di sistema”, si terrà presso l’I.T.E. Romanazzi, Via C. Ulpiani, 6 alle ore 14e30 e sarà moderato da Cecilia Pirolo Presidente Regionale ANP.

Interverranno:

Antonello Giannelli, staff nazionale ANP;

Vittoria Gallina, Università degli Studi Roma Tre;

Vittorio Campione, vice direttore della Rivista Scuola Democratica.

Per i partecipanti è previsto il rilascio dell’attestato di partecipazione.

Prossimi appuntamenti:

Cagliari 29 Novembre 2012;

Cosenza 30 Gennaio 2013;

Padova Febbraio 2013;

Palermo Marzo 2013;

Bologna Primavera 2013;

Torino Maggio 2013.

Info e adesioni:

http://www.scuolademocratica/,it/

mail: info@scuolademocratica.it    tel. 3938913493

http://anp-community.ning.com/

mail: segreteria@anp.it     tel. 064424582

 

Annunci

Venerdì 26 Ottrobre 2012 si terrà presso l’Aula Calasso della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Sapienza di Roma, la conferenza di presentazione dello European Observatory Project dal titolo “IS THE EU STILL A CREDIBLE PROJECT?”.

La giornata, fitta di interventi, inizierà alle ore 9 con la registrazione dei partecipanti e sarà suddivisa in tre parti, tutte interamente sviluppate in lingua inglese.

Dopo l’apertuta dei lavori del Professor Umberto Triulzi, si passerà ad analizzare le motivazioni che hanno ispirato questo progetto e infine al dibattito aperto ai giovani studenti sulle loro aspettative in merito all’Unione Europea.

Interverranno:

Silvia Polidori, Capo del Dipartimento Legale dell’Agenzia Europea GNSS (Global Navigation Satellite System);

Professor Alfonso Mattera Ricigliano, College of Europe of Bruge e European College of Parme;

Professor Petri Kouppamaki, Università di Helsinki;

Professor Rogelio Pérez Bustamante, Università Rey Juan Carlos di Móstoles-Madrid;

Professor Antonio Pappalardo, Commissione Europea;

Carmelo Cedrone, Vice-Presidente dell’EESC (European Economic and Social Committee);

Professor Philippe Fontaine, Scuola Normale di Scienze Politiche di Parigi.

L’incontro terminerà alle ore 17.

 

Per partecipare alla conferenza, basta registrarsi all’indirizzo e-mail:

europeanobservatory.2012@gmail.com

Per maggiori informazioni:

http://www.dte.uniroma1.it/osservatorio/

 

 

ImmagineLa Mostra fotografica “Obiettivo Afghanistan, la terra oltre la guerra”  ideata dall’Associazione Dialogando e realizzata con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio e di Enel in collaborazione con diverse associazioni, tra le quali la nostra associazione YER – Young European Reformists, che ha ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma, aprirà gratuitamente le porte al pubblico per un mese, dal 28 settembre fino al 28 ottobre, presso lo Spazio Fontana, Palazzo delle Esposizioni, Via Milano 13 (Roma).

La mostra ha l’obiettivo di narrare la realtà e la popolazione dell’Afghanistan nelle sue tante sfaccettature storiche e culturali, religiose e spirituali, dellavita quotidiana, delle tante etnie, dei diritti negati e delle battaglie per la libertà e vedrà protagoniste le immagini scattate dai quattro tra grandi fotografi internazionali che, con sguardi e sensibilità differenti, racconteranno ciascuno il proprio Afghanistan: Monika Bulaj, Reza, Riccardo Venturi e Zalmai.

L’iniziativa rientra nell’ambito del Festival della Letteratura di Viaggio che giunge quest’anno alla sua quinta edizione, promosso dalla  Società Geografica Italianae da Federculture. Quattro giorni, dal 27 al 30 settembre, dedicati al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazionedel viaggio, di luoghi e culture: dalla letteratura propriamente dettaalla geografia, dal cinema alla musica, dalla fotografia al giornalismo.

Numerosi gli appuntamenti e gli incontri con gli autori, viaggiatori e narratori a diverso titolo. Tra gli ospiti, si segnalano Reinhold Messner, Paolo Rumiz, Carlo Lucarelli, Gabriele Romagnoli, Melania G. Mazzucco, Bernardo Valli e molti altri ancora. In programma a Villa Celimontana la consegna del Premio Società Geografica Italiana La Navicella d’Oro a Giuseppe Tornatore e il consueto Laboratorio di scrittura e fotografia in viaggio. Novità di questa edizione è l’istituzione del Premio intitolato a Ryszard Kapuściński, per il reportage, realizzato in collaborazione con la Famiglia Kapuściński, Feltrinelli Editore e l’Istituto Polacco di Roma.

Il Festival della Letteratura di Viaggio è realizzato con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, della Provincia di Roma, di Zètema Progetto Cultura, della Azienda Speciale Palaexpo e delle Biblioteche di Roma.

La mostra verrà inaugurata il prossimo 27 settembre alle ore 18:00. Per ulteriori info, consultate il sito web http://www.festivaletteraturadiviaggio.it o contattateci al nostro indirizzo mail infoyer@gmail.com e seguiteci su Facebook alla pagina Yer Giovani.

INFO : Tel. 060608

Vi aspettiamo numerosi!!

PROGRAMMA FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO

mostra OBIETTIVO AFGHANISTAN LA TERRA OLTRE LA GUERRA

Immagine

“L’Italia di chi ci nasce e di chi la ama”: questo il titolo della bellissima iniziativa della Provincia di Roma rivolta ai bambini dell’istituto Di Donato all’Esquilino. Alla presenza del Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti e del Ministro per l’Integrazione e la Cooperazione, Andrea Riccardi, 300 bambini, provenienti da diversi paesi, hanno ricevuto un attestato di “cittadinanza onoraria” e una copia della costituzione italiana.

Un piccolo grande passo verso un’integrazione reale e verso un cambio di rotta per una riforma della legge sulla cittadinanza, come sottolineato dallo stesso Ministro e più volte auspicato dal Presidente della Repubblica Napolitano.Serve un cambio di mentalità che porti all’approvazione della legge sulla cittadinanza ai figli degli immigrati, e vedo che sta cambiando” – ha dichiarato Riccardi – “oggi la cultura è più matura e saggia ma non è stata ancora ricucita quella frattura tra Paese reale e Paese legale, l’integrazione dà energia vitale all’Italia e la presenza degli immigrati aiuta a fare comunità”.

Per la legge italiana non sono italiani a tutti gli effetti, non considerando il fatto che questi bambini sono spesso nati in Italia da genitori stranieri, frequentano una scuola italiana, parlano la nostra lingua e conoscono perfettamente le nostre tradizioni.

“Sono davvero contento e orgoglioso”, ha dichiarato Zingaretti, “di quest’iniziativa che permette a bambini provenienti da tutto il mondo di perfezionare la propria integrazione.  Dare a questi bambini la cittadinanza è un segnale che non bisogna predicare ma agire”.

La Scuola Di Donato, insieme all’Associazione Genitori di Donato e il centro educativo interculturale, Polo Intermundia, è da sempre attiva nella realizzazione di diverse iniziative interculturali di integrazione, nell’ambito delle buone pratiche di cittadinanza attiva; possiamo ricordare, tra l’altro, anche l’esperienza della nostra associazione YER con il progetto “A Scuola di democrazia”, rivolto agli studenti della scuola Di Donato, in cui si è analizzato in modo ludico ed interattivo il significato di principi universalmente riconosciuti (ma spesso non applicati) quali la libertà, l’uguaglianza, la verità, la pace, con uno sguardo rivolto alla nostra Costituzione e ai diritti e doveri dei cittadini.

YER in MOViE!

Since the end of the first step of the MOViE project, a week has already passed and Young European Reformists (YER) wishes -at this point- to underline two important aspects of it. Firstly, it is worth to underline what has been done and secondly it is of value to recognize how the project fostered the affirmation of a new european conscience on one side, and the establishment of new collaborations among European NGOs, on the other side.

The aim of the MOViE Mobility of Volunteers in Europe – financed by “Europe for Citizens” Programme Action 1–  is twofold. First, it promotes the discussion on volunteerism issues and second, it encourages the exchange of good practice among the involved european volunteers. On these bases the main purpose is to raise awareness on active citizens’ participation in Europe.

The project was planned to take place in three European countries (Greece, Bulgaria and Romania) involving 68 volunteers from april 20nd until the 3rd of June. YER took part in the first phase of the project. We spent 10 days in Thessaloniki (Greece) and from the 1st till the 7th of May, we were in Razlog (Bulgaria). Working on team, with all the participants of the first phase, we simulated the NGOs’ work and we dealt with the NGO’s image in the society and we learned how to plan a social campaign.

The Antigone’s and International Initiatives for Cooperation IIC’s organisatios -the local NGO’s managers of the project – structured the  daily meeting using the no-formal learning approach. Moreover, they respectively helped us in  discovering the traditions and views of the two hosting European countries.

In both Thessaloniki and Razlog, we had the chance to keep in touch with several NGOs dealing with problematic issues of the society (immigration and disability). Moreover, we spoke with the persons in charge and they explained us both of the difficulties and the successes of their volunteering work.

At the end of the project, we do believe that it was a really important experience for us. Firstly because having the possibility to collaborate and face with people with different cultures and backgrounds, it was the best way for sharing our experiences on volunteerism and increase our knowledge on it. Secondly, this collaboration will be fundamental for planning new future projects.

In conclusion, this project – in line with all the others on youth exchange financed by the European Union- is one way to foster the affirmation of a better Europe. An Europe beyond crisis and institutions, not only a rhetorical one made of flag and coin, but rather an Europe made of ACTIVE CITIZENS!!!!

So LET’S MOViE EUROPE!!!!

YER in MOViE!

Ad una settimana dalla fine del primo step del progetto MOViE, la Young European Reformists (YER) vuole – a questo punto- ricordare gli aspetti che che lo hanno contraddistinto. Vale la pena sottolineare cosa è stato fatto e quanto il progetto sia stato fondamentale per la creazione di nuove collaborazioni tra le organizzazioni non governative con  l’obiettivo di accrescere la partecipazione e il senso di cittadinanza europei.

Il progetto MOViE Mobility of Volunteers in Europe -finanziato dal programma europeo Europe for Citizens (Azione 1)– ha come obiettivo di discutere sul tema del volontariato e scambiare buone pratiche tra volontari provenienti da diversi paesi del continente europeo.

Il progetto è stato pensato per essere svolto in tre paesi europei (Grecia, Bulgaria e Romania) coinvolgendo 68 volontari dal 20 aprile al 3 di giugno. La YER ha preso parte alla prima fase. Siamo stati 10 giorni a Salonicco (Grecia) e poi dal primo maggio e sino al 7 a Razlog (Bulgaria). Lavorando in gruppo, con i partecipanti della prima fase, abbiamo simulato il lavoro delle ONG, affrontato il problema dell’immagine delle ONG nella società ed imparato come pianificare una campagna sociale.

Le associazioni responsabili del progetto, Antigone di Salonicco e International Initiatives for Cooperation IIC di Razlog, hanno strutturato gli incontri giornalieri secondo il metodo dell’apprendimento non formale e ci hanno anche guidato nella scoperta di angoli e tradizioni tipiche dei due paesi europei.

Sia a Salonicco che a Razlog, abbiamo avuto la possibilità di incontrare le organizzazioni che operano direttamente sul territorio e che lavorano in settori problematici della società, quali la disabilità e l’immigrazione. Inoltre, abbiamo avuto modo di parlare con i responsabili che ci hanno spiegato le difficoltà e i successi del loro lavoro volontario.

Noi crediamo che questo progetto sia stata un’ esperienza molto importante. Incontrare e collaborare con persone di formazione e cultura differenti dalla nostra, ci ha permesso di condividere le nostre esperienze sul volontariato e di aumentare la nostra cognizione su questo tema. In più,  tutto questo lavoro di messa a fuoco sul tema del volontariato ha favorito, giorno dopo giorno, la creazione di un gruppo di persone che hanno saputo miscelare le diverse culture creando l’humus per future collaborazioni.

In conclusione questo progetto – come altri scambi giovanili finanziati dall’Unione Europea – è un modo per favorire l’affermazione di un’Europa migliore. Un Europa oltre la crisi e le istituzioni, non solo un’entità retorica fatta con bandiera e moneta, ma piuttosto un’Europa composta da CITTADINI ATTIVI!!!!

Quindi LET’S MOViE EUROPE!!!!!

Giovani@teatro…GRATIS!!!

Parte domani 15 maggio e si protrarrà sino al 12 ottobre Giovani@teatro, iniziativa promossa dall’Assessorato alla Famiglia, Educazione e ai Giovani di Roma Capitale che permetterà ai giovani di andare a teatro con ingresso gratuito.

I palcoscenici e gli spazi che parteciperanno sono principalmente legati alla cosiddetta periferia romana e i posti saranno disponibili sino ad esaurimento.

Questa la lista dei teatri: Teatro Roma; Teatro San Giustino; Teatro Tor Bella Monaca; Centrale Montemartini; Centro Culturale Elsa Morante; Teatro di Documenti; Teatro Cassia; Teatro San Raffaele; Spazio Il Mitreo; Centro Culturale Aldo Fabrizi.

L’iniziativa volta ad avvicinare i giovani al mondo della recitazione è anche la possibilità per le nuove compagnie romane di potersi esprimere in spettacoli dai contenuti significativi.

Domani si parte al Teatro Roma con lo spettacolo “Un giorno lungo un anno” scritto e diretto da Claudio Morici, portato in scena dall’ Associazione Teatrale Specchio al Rovescio.

Per conoscere meglio l’offerta di Giovani@teatro visitate il sito di Incontra Giovani.